QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

    Sezioni

    Percorsi pedagogici infanzia Percorsi pedagogici primaria
    Didattica Domande e risposte per conoscerci meglio

     

    Area riservata

    VISTO CHE CI SONO TEMPI SETTIMANALI DIFFERENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA, GLI ALUNNI STUDIANO DI PIU’ NELLE CLASSI CON UN TEMPO PIU’ LUNGO?

    Risposta: Tutti  i plessi della scuola primaria mettono in atto i percorsi previsti dal curricolo di istituto e si confrontano periodicamente attraverso riunioni di classi parallele, in modo che in ogni plesso l’offerta didattica sia equivalente, anche se declinata in tempi più o meno lunghi.

    VORREI CONOSCERE IL NOME DEGLI INSEGNANTI DELLE FUTURE CLASSI PRIME. E’ POSSIBILE?

    Risposta: Di norma i docenti delle attuali classi quinte vengono assegnati per l’anno successivo alle prime, tuttavia bisogna tenere presente che l’assegnazione definitiva è effettuata con provvedimento del dirigente all’inizio di ciascun anno scolastico, in quanto è necessario tener conto di numerosi elementi, tra cui: trasferimenti, assegnazioni provvisorie, part-time, ecc…

    PERCHE’ NELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE MI VIENE CHIESTO SE MIO FIGLIO E’ STATO VACCINATO?

    In base al cosiddetto “decreto vaccini” la scuola ha il compito di tenere conto della condizione vaccinale degli alunni al momento della formazione classi (in quanto, se le condizioni oggettive lo consentono, non devono essere inseriti nella stessa classe più di due alunni non vaccinati). Per questo si richiede ai genitori tale dichiarazione, che è utile al lavoro della Commissione classi. Tale richiesta non sostituisce i controlli che la legge prevede in capo all’Asl di riferimento, ma è ad uso esclusivo dell’organizzazione scolastica del nostro istituto. 

    COSA DEVO ACQUISTARE PER MIO FIGLIO CHE FREQUENTERA’ LA PRIMA  A SETTEMBRE (quaderni, grembiule, ecc…)?

    Risposta: tutte le classi prime di scuola primaria avranno un’assemblea dei genitori ad inizio settembre, in date che saranno comunicate tempestivamente sul sito e via e-mail all’indirizzo utilizzato per l’iscrizione online. In tali occasioni saranno fornite tutte le informazioni utili.

    In generale per il primo giorno si richiedono: grembiule azzurro o rosa alla scuola dell’infanzia, grembiule blu alla scuola primaria, zaino, astuccio, un quaderno a quadrettoni (1 cm), un contenitore con la merenda e una bottiglietta personale per l’acqua.

    PERCHÉ L’INSEGNANTE DI SOSTEGNO A VOLTE FA LEZIONE A TUTTA LA CLASSE O SOSTITUISCE UN COLLEGA DELLA CLASSE CHE SI ASSENTA? QUESTO NON PRIVA L’ALUNNO DISABILE DEL SUO DIRITTO?

    Risposta: L’insegnante di sostegno è a tutti gli effetti titolare della classe, come gli insegnanti curricolari. La sua figura non è pensata per occuparsi in maniera esclusiva dell’alunno con disabilità, proprio perché ciò produrrebbe una discriminazione ed un’esclusione, anziché favorire l’integrazione e l’inclusione, che costituiscono il vero obiettivo.

    In sostanza, l’insegnante di sostegno viene assegnato alla classe perché si riconosce che, in presenza di diversità importanti, l’organizzazione delle attività didattiche può diventare più complessa: le disposizioni della normativa italiana sono molto avanzate in questo senso, perché non considerano da un lato gli alunni “normodotati” e dall’altro l’alunno con disabilità, quanto piuttosto il gruppo- classe nel suo complesso, formato da tante diversità, più o meno evidenti ed accentuate, che hanno l’obiettivo di crescere insieme integrandosi, con particolare attenzione all’apprendimento delle abilità sociali e relazionali.

    POTETE DARMI DEI CHIARIMENTI CIRCA L'OBBLIGO VACCINALE? E' ANCORA IN VIGORE?

    Risposta: L’obbligo vaccinale attualmente è ancora in vigore.

    NEL CASO IN CUI MIO FIGLIO NON SIA VACCINATO, VERRA' ACCETTATO A SCUOLA?

    Risposta: Per la scuola dell’infanzia, le vaccinazioni costituiscono un requisito di accesso, quindi il bimbo non potrà entrare a scuola, tranne nei casi in cui la mancata vaccinazione abbia una motivazione certificata dal pediatra. Per la scuola primaria, l’alunno potrà ugualmente frequentare, ma saranno applicate le regole previste dalla normativa vigente. 

    QUANDO SI PUO' SCEGLIERE SE AVVALERSI O NO DELLA RELIGIONE CATTOLICA?

    Risposta: all’atto dell’iscrizione. Si può modificare la propria scelta prima dell’inizio del nuovo anno scolastico.

    PERCHE' NON POSSO CAMBIARE LA MIA SCELTA DURANTE L'ANNO SCOLASTICO?

    Risposta: Perché la scelta se avvalersi o non avvalersi dell’insegnamento della Religione cattolica comporta per la scuola una differente organizzazione, sia per quanto riguarda le nomine dei docenti, sia per quanto riguarda l’orario di funzionamento, che devono essere definiti prima dell’inizio delle lezioni, per ovvie ragioni organizzative.

     

    In primo piano

    SCUOLA IN CHIARO

    ISCRIZIONI ONLINE

    MAD

    Dove siamo